Sei qui: HomepageNews

Portare online il proprio negozio: come passare dal negozio all'eCommerce

Negli ultimi anni molte persone si sono trovate di fronte al quesito se portare o meno online il proprio negozio creando un portale di eCommerce. Molti si saranno arenati nella scelta, altri l'avranno fatta in maniera azzardata pensando magari di trovarsi in un mercato semplice ed a portata di tutti, molti ci staranno ancora pensando....

La scelta dell'eCommerce online

Negli ultimi anni molte persone si sono trovate di fronte al quesito se portare o meno online il proprio negozio creando un portale di eCommerce. La scelta per molte persone rappresenta una necessità dettata dall'evoluzione della abitudini dei consumatori e dal calo delle vendite, per altri si tratta di un'esigenza di crescita aziendale, per molti è l'ultima spiaggia.

Le vendite online sono in continua crescita secondo alcuni il rischio è che i negozi fisici diventino una vera e propria vetrina e che le vendite ed il business si concentrerà sopratutto online, difficile dire se questa previsione sia attendibile e meno, molto probabilmente la verità sta nel mezzo, ma certo realtà come Zalando o Yoox ci fanno capire che settori come l'abbigliamento o il calzaturiero, che fino a qualche anno fa erano off-limits online,  ora online hanno altissimi volumi di vendita.

In generale la regola base da seguire è quella di prendere seriamente in considerazione la possibilità di vendere e distribuire i propri prodotti online, ma considerando l'investimento in termini di impegno di tempo e risorse, anche economiche, al pari quello di una qualsiasi nuovo canale distributivo o negozio fisico. L'impegno e la serietà ad affrontarlo devono essere massimi, sono finiti i tempi in cui bastava essere online per fare business, oggi l'online è il mercato con la maggiore competizione e le maggiori potenzialità

L'impegno deve essere completo e costante

I punti salienti su cui programmare l'apertura dell'eCommerce

La piattaforma:

E' necessario scegliere con cura la piattaforma con la quale sviluppare il proprio portale eCommerce, migrare ad un'altra piattaforma in seguito è sempre possibile, ma i costi sono alti: Opencart, Magento, Prestashop ecc.

Hosting:

E' necessario scegliere con cura la soluzione hosting da adottare, bilanciando costi e necessità: Hosting semplice, Server Cloud, Housing ecc.

Metodi di Pagamento:

E' necessario scegliere a priori e con cura i metodi di pagamento da proporre ai clienti, considerando la necessità di stipulare accordi operativi con i circuiti di pagamento ed la diversità dei costi per transazione che ogniuno comporta: Paypal, Amazon Checkout, Google pay, Consorzio Triveneto, Banca Sella, Consel ecc.  

Tracciamento delle visite:

E' necessario scegliere ed usare strumenti di web analisys  per capire e tracciare i visitatori sul proprio portale: Google Analytics ecc

Marketplace:

E' necessario valutare l'ipotesi di essere solo sui marketplece oppure di avere un proprio portale e creare branding sui marketplace: eBay Amazon Playcom

Magazzino, spedizioni e corrieri:

E' necessario fare una pianificazione del proprio magazzino e procedere a prendere accordi con i corrieri: l'efficienza nella gestione del magazzino, abbassando costi di giacenza e tempi di spedizione,  ed i costi di spedizione veri e proprio sono la differenza.

Gestione Ordini:

E' necessario prefissarsi dei livelli di affidabilità nel rispetto degli ordini ricevuti, rispettando tempi di consegna, qualità dei prodotti.

Resi:

E' necessario decidere una politica dei Resi a priori, tenendo presente che in molti casi è l'elemento che fa la differenza tra due venditori online.

News dalla Regione

Sistema Puglia
    Go to top