Sei qui: HomepageBando CommercioFaq e chiarimenti- seconda parte

Faq: chiarimenti sul Bando Commercio 2013 seconda parte

FAQ per chiarimenti sul Bando Commercio 2013 della Regione Puglia-2^ Parte

 

Non siete sicuri che la vostra attività sia finanziabile? Avete dubbi sull'ammissibilità di determinate voci di spese? Vi siete chiesti come predisporre la documentazione?
A poche settimane dal via del nuovo Bando Commercio (partenza il 4 marzo), con cui la Regione Puglia interviene a favore delle imprese esercenti commercio al dettaglio, con concessione di contributi a fondo perduto fino al 70%, vogliamo chiarire tutte le incertezze che possono nascere in considerazione del vostro specifico caso. Ecco dunque una serie di domande e risposte utili per fugare i vostri dubbi... e se doveste avere ancora domande, siamo a vostra completa disposizione.

Pubblichiamo qui di seguito la seconda parte della lista di quelle che sono le più importanti faq emerse in merito al Bando Commercio 2013:immagini faq

-(D) Per le voci di spesa relative alle opere murarie, è sufficiente presentare un computo metrico che quantifica le spese a firma digitale di un tecnico (geometra, ingegnere, etc) oppure è necessario presentare un preventivo dell'impresa edile che eseguirà i lavori con firma digitale?

(R) Non è sufficiente il computo metrico, ma deve essere presentato il preventivo con firma digitale del fornitore. Per ogni spesa prevista nel progetto deve essere presente il relativo preventivo firmato digitalmente. Diversamente l'ufficio non è nelle condizioni di effettuare i controlli previsti con riferimento ai fornitori.

-(D) La misura massima di 250 mq di superifice di vendita del locale su cui richiedere l'agevolazione, indicati nella scheda riepilogativa, è prerogativa per rientrare nei requisiti per la richiesta stessa.

(R) Sì, in quanto l'articolo 5 della l.r. 11/2003 stabilisce che gli esercizi di vicinato abbiano una superficie di vendita non superiore a mq 250.

-(D) Una Snc con sede legale ed operativa a Matera può ampliare la propria dimensione aprendo un nuovo punto vendita in Gravina di Puglia?

(R) La sede legale in Regioni diverse non è causa di esclusione a condizione che la sede del locale e dell'attività oggetto di finanziamento siano ubicate in Puglia.

-(D) 1) La procedura telematica di compilazione della domanda sarà messa a disposizione prima del 04/03/2013 per cui dalle 12,00 di tale giorno si invieranno le domande già compilate oppure tutto (compilazione ed invio) partirà dopo tale orario?      2) La domanda dovrà essere presentata attraverso la Pec dell'azienda richiedente o potrà essere presentata attraverso la Pec del consulente eventualmente delegato? Grazie.

(R) 1) L'articolo 9.9 del bando stabilisce che la compilazione della documentazione inerente la domanda di ammissione al contributo potrà avvenire a partire dalle ore 12.00 del 4 marzo 2013 ed entro le ore 12.00 del 4 aprile 2013.2) La domanda deve essere presentata con la PEC della Ditta richiedente. Il consulente non può essere delegato. Il bando prevede, eventualmete, la figura del procuratore

-(D) Gradirei sapere se attività di pasticceria o gastronomia possono partecipare al bando.

(R) Sì se in possesso della relativa autorizzazione commerciale.

-(D) L'apertura di un brewpub (birreria dove si consuma la birra da me prodotta) è finaziabile? Al momento dell'invio della domanda devo già essere in possesso dell'iscrizione alla Camera di Commercio e delle autorizzazioni tra cui la scia?

(R) La birreria è finanziabile se in possesso della relativa autorizzazione commerciale.Tutti i requisiti devono essere già posseduti alla data di presentazione della domanda.

-(D) Per il bando commercio i preventivi da allegare dovranno essere firmati digitalmente dai fornitori?

(R) Sì, la firma digitale apposta sui preventivi deve essere quella dei fornitori.

-(D) Per una società che esercita attività all'ingrosso è sufficiente che il commercio al dettaglio risulti nell'oggetto sociale del certificato CCIAA?

(R) L'attività oggetto di agevolazione deve essere al dettaglio e deve rientrare in una delle tipologie di cui all'articolo 3 del bando (vicinato / pubblici esercizi / edicole / associazioni di via) con il relativo titolo autorizzatorio comunale o SCIA. Non è sufficiente che l'attività al dettaglio figuri nell'Oggetto sociale dell'impresa, ma deve essere riportata nel certificato camerale anche come attività esercitata

-(D) 1. l'attività deve essere esistente o si può iniziare? 2. esiste un limite minimo di importo da richiedere quale contribuzione agevolata?  3. il potenziale beneficiario deve stipulare una polizza fideiussoria?

(R) 1. Per accedere al bando l'attività deve risultare nel certificato camerale e deve essere regolarmente autorizzata o comunque oggetto di regolare SCIA presso il Comune competente per territorio 2. L'articolo 5.2 del bando stabilisce che le spese complessive di ogni programma di investimenti non potranno essere inferiori a Euro 15.000,00. Detto limite deve sussistere anche nella fase di rendicontazione finale nel caso intervengano tagli di spese considerate non ammissibili. 3. E' prevista la stipula di una polizza solo nel caso in cui il beneficiario decida di chiedere un' anticipazione del 50% del contributo

-(D) Si domanda se:1. due imprese individuali che fanno capo allo stesso titolare (oppure due Società di capitali che facciano capo allo stesso amministratore o agli stessi soci) possano presentare due progetti distinti di ampliamento; 2. una impresa già esistente possa accedere alle agevolazioni per aprire un nuovo punto vendita senza possedere il titolo di disponibilità del nuovo immobile e senza aver aperto la SCIA (scia che mi sembra di aver capito essere obbligatoria per poter richiedere le agevolazioni su un nuovo punto vendita).

(R) 1. Ai sensi dell'art. 3.15 "E' possibile presentare una sola domanda di agevolazioni da parte di UNO STESSO SOGGETTO RICHIEDENTE. Nel caso in cui un soggetto presenti più domande per più punti vendita queste saranno tutte escluse." 2. No, i requisiti devono essere TUTTI posseduti alla data della presentazione della domanda.

-(D) Vorrei sapere se fra i soggetti ammessi sono compresi i commercianti ambulanti .

(R) Gli ambulanti possono accedere al contributo solo se partecipano ad un'associazione di VIA di cui all'art. 3.1 lettera d) del bando.

-(D) il libro soci richiesto come documento da allegare è solo per le associazioni di via? poichè per le società tale libro non esiste più.

(R) Ai sensi della Legge n. 2/2009, il libro soci è stato abolito solo per le S.r.l. e le S.c.a r.l, pertanto per queste due tipologie sarà possibile evidenziare la compagine sociale tramite il certificato della CCIAA.

-(D) 1) La ristrutturazione di una unità locale adibita a magazzino da parte di un commerciante è agevolabile? 2) le spese del commercialista sostenute per istruire la pratica rientrano in quelle agevolabili? 3) un panificio, artigiano, è agevolabile?

(R) 1) Oggetto di agevolazione è il locale commerciale e non il deposito  2) Non sono finanziabili le spese di assistenza per la presentazione della domand 3) non sono finanziabili le attività artigianali. Il panificio è finaziabile solo se autorizzato per lo svolgimento dell'attività commerciale

-(D) La procedura telematica sul portale sistema puglia deve essere compilata necessariamente da un account intestato al soggetto richiedente o è possibile compilare procedure telematiche multiple anche da un account intestato ad un soggetto terzo, senza che le domande di candidatura siano invalidate?

(R) La casella di PEC dalla quale viene inviata la domanda deve essere intestata all'impresa richiedente.

-(D) E' agevolabile una ditta che opera nel settore del commercio all'ingrosso e intende aprirsi un laboratorio di produzione?

(R) Accedono al bando solo le attività commerciali che esercitano il commercio al dettaglio. E' esclusa l'attività all'ingrosso e anche l'attività di produzione.

-(D) Quale documentazione è autocertificabile? Deve essere allegata alla domanda o prodotta su richiesta della Regione ?

(R) L'articolo 9.17 del bando precisa che può essere oggetto di autocertificazione la documentazione di cui al punto 9.16, punti a) b) c), d), e), f) g), h) ed i) . Non possono essere autocertificati i preventivi che vanno allegati con firma digitale del fornitore. La documentazione cartacea deve essere trasmessa con l'accettazione del contributo concesso (articolo 11.15 del bando)

-(D) Un negozio con superficie complessiva superiore ai 250 mq può rientrare tra le attività finanziabili. Una attività commerciale con due punti vendita (ma unica p.iva) può presentare domanda per ambedue i punti vendita?.

(R) 1- Il limite di mq 250 è riferito alla superficie di vendita e non a quella complessiva che comprende anche quella destinanata ad altri usi. L'autorizzazione o comunicazione o SCIA comunale riportano in modo distinto sia la superficie di vendita che quella complessiva. Per chiarezza consulti la definizione prevista dall'articolo 4, comma 1, lettera c) della l.r. 11/2003.    2- L'impresa che possiede più punti vendita può presentare domanda con riferimento ad un solo punto vendita (articolo 3.15 del bando)

-(D) Ai fini del presente bando, risulta ammissibile l'attività di "agenzia immobiliare".

(R) No le agenzie immobiliari non sono finanziabili in quanto non rientrano nei soggetti previsti dall'articolo 3 del bando.

 

 

News dalla Regione

Sistema Puglia
    Go to top